DSC_6448DSC_6452

DSC_6450 DSC_6451

DSC_6455 DSC_6458 DSC_6461  DSC_6463 DSC_6464  DSC_6473 DSC_6476 DSC_6477 DSC_6479 DSC_6481  DSC_6489 DSC_6490   DSC_6498   DSC_6503 DSC_6505 DSC_6511 DSC_6515 DSC_6517 DSC_6519 DSC_6522  DSC_6524 DSC_6525  DSC_6534DSC_6561

DSC_6545DSC_6535

DSC_6529 DSC_6577DSC_6547

DSC_6552 DSC_6558 DSC_6559  DSC_6562  DSC_6567 DSC_6568 DSC_6569 DSC_6574 DSC_6575  DSC_6579 DSC_6581 DSC_6583 DSC_6585 DSC_6595 DSC_6596 DSC_6600 DSC_6601 DSC_6604 DSC_6609 DSC_6619

 

IMG_7000 IMG_7001 IMG_7017

IMG_7002IMG_6995 IMG_7006 IMG_7007 IMG_7008 IMG_7012 IMG_7013 IMG_7016   IMG_7021 IMG_7022

IMG_7023  IMG_7037  IMG_7043

IMG_7032 IMG_7034  IMG_7040 IMG_7041

IMG_7053IMG_7046IMG_7072

 

IMG_7047 IMG_7049

IMG_7054 IMG_7060 IMG_7063

IMG_7061 IMG_7062  IMG_7064 IMG_7065 IMG_7066 IMG_7067 IMG_7068 IMG_7069

IMG_7070 IMG_7081 IMG_7073

IMG_7076 IMG_7080  IMG_7082 IMG_7084  IMG_7086 IMG_7087 IMG_7088 IMG_7089 IMG_7090 IMG_7091 IMG_7093 IMG_7094 IMG_7095 IMG_7096 IMG_7097 IMG_7101  IMG_7104 IMG_7107 IMG_7108 IMG_7109  IMG_7113 IMG_7114 IMG_7115  IMG_7117 IMG_7118 IMG_7119 IMG_7120 IMG_7125 IMG_7128 IMG_7130 IMG_7132   IMG_7135 IMG_7137    IMG_7142 IMG_7147 IMG_7154

donLa prima donazione dell’associazione per la nuova casa delle farfalle.

 

Le ragazze della casa delle farfalle ci porgono una riflessione…da vedere

 

13 dicembre 2014 dalle ore 14.30

Centro Culturale Leonardo da Vinci

Piazza Indipendenza, San Donà di Piave 

Il convegno LA FAMIGLIA COME RISORSA NELLA CURA DEI DISTURBI ALIMENTARI si propone come un punto di incontro per le famiglie.
I disturbi del comportamento alimentare sono sempre più presenti nella vita di tutti i giorni e le difficoltà da parte di genitori e insegnanti nel riconoscere e dare il giusto supporto nella cura di questo disagio nascono proprio dalla non conoscenza e dalla sensazione di solitudine nell’affrontarla.
Le testimonianze di famiglie che hanno avuto questa esperienza e il dibattito scientifico e sociale di operatori del settore appare una necessità per una corretta formazione. Un pomeriggio di discussione, quindi, che si propone come la risposta ad un bisogno sempre più crescente da parte di genitori, insegnanti e di tutto il mondo che gravita attorno a queste ‘anime fragili’ di informarsi su come riconoscere ed affrontare il disturbo alimentare.

PROGRAMMA EVENTO

Di seguito il programma:

14.30 15.00 SALUTI DELLE AUTORITA’ PRESIDENTE FENICE Giorgio Mazzarotto SINDACO S.DONA’ Andrea Cereser DIRETTORE GENERALE Ulss10 Carlo Bramezza

15.00-15.30
Riflessione introduttiva su ‘ il ruolo delle famiglie nei percorsi di cura dei disturbi del comportamento alimentare’ del Dott Pierandrea Salvo – Responsabile Centro D.C.A. Ulss10 Veneto Orientale

15.30 16.15
Intervento e dibattito con la testimonianza diretta di famiglie e utenti sui temi: Diagnosi precoce e presa in carico
Continuità terapeutica durante e post ricovero (con il supporto di un referente scolastico)
Coordinato dal giornalista Mauro Zanutto

16.15 17.00
Intervento e dibattito con la testimonianza diretta di famiglie e utenti sui temi: Il post ricovero
Il sostegno alla famiglia. Esperienza del mutuo-aiuto
Ricovero pediatrico nei bambini
Coordinato dal giornalista Mauro Zanutto

17.00 17.15 PAUSA CAFFÈ

17.15 18.00
TAVOLA ROTONDA con la presenza di:
Maria Carla Midena – Direttore Servizi Sociali Ulss10 Veneto Orientale Claudio Beltrame – Direttore Servizi Sociali Ulss12
Michele Maglio – Direttore Servizi Sociali Ulss13 Mirano
Claudio Bearzi – Responsabile Servizio D.C.A. Udine
Stefano Bertomoro – Presidente Coordinamento Nazionale disturbi alimentari

18.00
CONCLUSIONE ASSOCIAZIONE FENICE ONLUS

Interverranno:

Claudio Bearzi
Responsabile Centro D.C.A. Udine

Claudio Beltrame
Direttore Servizi Sociali Ulss12

Stefano Bertomoro
Presidente Coordinamento Nazionale disturbi alimentari

Carlo Bramezza
Direttore Generale Ulss10

Michele Maglio
Direttore Servizi Sociali Ulss13 Mirano

Maria Carla Midena
Direttore Servizi Sociali Ulss10 Veneto Orientale

Pierandrea Salvo
Responsabile Centro D.C.A. Ulss10 Veneto Orientale

Mauro Zanutto Giornalista e addetto stampa Ulss10

 

 

Intervista di Antenna 3 al Dott. Pierandrea Salvo sull’alluvione:

A causa delle piogge che si sono abbattute in tutto il territorio la ‘Casa delle Farfalle’ di Portogruaro, struttura di cura dei disturbi del comportamento alimentare, gestita dall’Usl 10, ha subito grossissimi danni. Il responsabile della struttura Dott. Pierandrea Salvo e le nove ragazze ricoverate hanno assistito impotenti all’acqua che cresceva ora dopo ora, cercando di salvare ciò che poteva essere salvato. Le ragazze ospiti e tutto il personale hanno dovuto abbandonare l’alloggio che risulta tuttora impraticabile.

Ma non finisce qui. Oltre al danno anche la beffa: gli ‘sciacalli’ che cercano sempre di trarre profitto da queste tragedie si sono già attivati, diffondendo false coordinate per le donazioni in favore dell’associazione. Per questo vi chiediamo di prendere solo ed esclusivamente queste coordinate per eseguire le vostre donazioni.

Banca Popolare Friuladria  –  Agenzia di Portogruaro  –  c/c  n.  301294/20
ABI 05336  CAB 36240 CIN X    –    IBAN  IT49X0533636240000030129420
Codice fiscale Associazione Fenice  –  92028740279
Sede: Via Giacosa,2   –  30026  Portogruaro (VE)

 

UN GRAZIE A TUTTI VOI PER OGNI PICCOLO GESTO PER RICOSTRUIRE LA CASA DELLE FARFALLE. NON LASCIAMO AFFOGARE LE NOSTRE FARFALLE!


FotorCreated

LO PSICHIATRA: NON E’ BULLISMO, E’ VIOLENZA​
La vicenda di Napoli non riguarda solo il destino amaro di quattro persone, ma il futuro dei nostri giovani, delle loro relazioni, delle nostre comunità. «Quel che fa più paura è l’indifferenza emotiva in cui maturano fatti del genere» dice subito il dottor Pierandrea Salvo, psichiatra responsabile del Centro di riferimento per la cura e la riabilitazione dei disturbi alimentari della provincia di Venezia. A Portogruaro ha fondato anni fa una struttura che ha fatto da apripista a diversi progetti che, sul territorio, si prendono cura di adolescenti che soffrono di anoressia e bulimia. «Il problema si manifesta sempre quando l’altro è vissuto come scomodo, come diverso. È quello che mi sembra sia accaduto a Vincenzo, il ragazzo di Napoli» osserva Salvo.

Il Garante dell’Infanzia ha detto che siamo andati oltre il bullismo: si tratta di violenza allo stato puro.
È così, è evidente. Ci sono molte tipologie di bullismo legate a pregiudizi corporei, che condizionano l’autostima delle vittime. Qui però siamo arrivati al massimo dell’umiliazione. È un dato preoccupante, così come lo sono tantissimi episodi simili che restano nascosti.

Sta dicendo che questo fatto è solo la punta dell’iceberg?
Ci sono forme di violenza e di prevaricazione diversa nel mondo dei giovanissimi, di cui mai verremo a conoscenza. Tanti ragazzi subiscono in silenzio e poi spariscono dalla vita della comunità, si nascondono in casa, si chiudono in se stessi. In questi casi emergono altri aspetti di disagio. Pensiamo allo stigma che ancora c’è rispetto a chi ha un corpo non canonico, un elemento che spinge spesso all’emarginazione. Ma quel che preoccupa davvero di una storia come questa è un altro aspetto.

Quale?

L’indifferenza emotiva, anzi, l’anestesia emotiva ed etica di chi pratica azioni del genere. È un atteggiamento che riguarda certamente gli autori di questo gesto folle, ma che non risparmia neppure il cosiddetto gruppo dei pari. C’è un’impotenza comunicativa impressionante, che contagia anche il mondo della scuola dove a volte si sviluppano queste dinamiche.

Eppure fare rete tra soggetti diversi per
 prevenire drammi del genere è possibile, come dimostra la vostra esperienza in Veneto…
In questi anni abbiamo spinto molto, come sistema sanitario, sul coinvolgimento dei genitori degli adolescenti, creando diversi gruppi di mutuo aiuto. La disponibilità delle famiglie a ragionare sull’emergenza c’è: i genitori spesso sono determinanti nel chiedere e generare aiuto di fronte a situazioni di disagio dei figli. Terapia e luoghi di ascolto funzionano, sono una risorsa incredibile.

Esistono campanelli d’allarme?

La tendenza all’isolamento, innanzitutto. E poi il silenzio che scende improvvisamente intorno a certe vicende: quando neanche i compagni di classe più vicini segnalano un malessere o un problema, allora prende forma un clima misto di omertà, compiacenza, indifferenza, quando al contrario servirebbe un contesto in grado di alzare le antenne e di prendersi cura di chi ha bisogno.

Cosa può fare il mondo adulto?
Il problema vero riguarda quanti di questi ragazzi riescono a trovare il coraggio di denunciare. Sono ancora troppo pochi e questo succede perché si ha la sensazione che l’adulto non ti tuteli abbastanza. Il passaggio decisivo avviene qui e, quando porta a una presa di consapevolezza dei rischi di sopruso e di prevaricazione da parte dell’adolescente e del genitore, consente anche nella maggioranza dei casi un superamento della fase critica. Perché poi fare rete funziona e i nostri territori, quando vogliono, sanno muoversi insieme per trovare le soluzioni che servono.

Le ragazze ed i ragazzi che soffrono di anoressia e bulimia spesso gestiscono e frequentano siti e blog che parlano di queste malattie in modo positivo (PRO ANA), giungendo fino a fornire spiegazioni “tecniche” per dimagrire o adottare altri comportamenti ammalati. Questi comportamenti sono, ovviamente, sintomi della malattia e come tali vanno curati.

 

Nelle scorse settimane l’on. Marzano con l’appoggio di una consulta di associazioni che si dicono a favore dei ragazzi ammalati ha presentato un disegno di legge di un solo articolo. Prevede fino a 2 anni di galera per chi scrive pro anoressia e pro bulimia…. In pratica questi ragazzi, anziché curati, andrebbero arrestati!!!

 

Noi vogliamo cure e non galere per chi soffre di un disturbo alimentare!

NOI NON IMPRIGIONIAMO LE FARFALLE!

FIRMA LA PETIZIONE CLICCA QUI

VUOI ALTRE INFORMAZIONI? SCARICA I DOCUMENTI

disegno leggecamera deputaticamera deputati2

alice-dcaperle-onlus

PROGRAMMA

Ore 17.30 Apertura Giochi e Laboratori Artistici

Ore 20.30 Grigliata Tutti Insieme LIVE MUSIC “IL VESCOVO & IL CIARLATANO”

 

✿✿✿

CONTRIBUTO 15 EURO A PERSONA

✿✿✿

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA VIA MAIL A info@feniceonlus.it OGGETTO – PRENOTAZIONE FESTA FENICE Il pagamento puo’ essere effettuato il giorno stesso (previa prenotazione) o con bonifico all’iban IT49X0533636240000030129420 CAUSALE: versamento quota V Festa d’Estate, cognome famiglia e numero partecipanti OGNI CONTRIBUTO DOLCE,  SALATO O DI FRUTTA DA CONDIVIDERE DURANTE LA FESTA E’ BEN ACCETTO!!   VI ASPETTIAMO NUMEROSISSIMI!!